Patatracchini | senza titolo #4.
662
single,single-post,postid-662,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
Scene-di-vita-reale-attraverso-le-matite-colorate-di-Kelly-Bjork.-Collater.al-4-760x500

senza titolo #4.

Avevo un basilico morto.
Guardava triste
verso un ovest che non gli sarebbe mai capitato di andare a scoprire.
Aspettava da morto la morte.
Qui arrivi tu. 
Seduto sul balconcino
con te il sole, il caldo – che caldo –
con te l’acqua e la voglia.
Le cose nascono eterne o ci diventano quando l’eternità è finita?
Con te parole senza promesse
delicate come tredici notti piovose
con te una strana vita che inverte i poli del globo terrestre, rompe le regole della fisica e del buon senso.
Con te il ritorno sfaticato a una patria indicibile e irrisolvibile, inutile e divertente come un numero primo. 

Ora il basilico è tornato vivo,
profuma le sere,
parla della campagna acquisti del Milan.
Il basilico sta alla grande, devo dire,
e anche io non mi sento poi tanto male.

(Illustrazione di Kelly Bjork)